A1: Ufficiale, a Broni arriva la croata Nina Premasunac

BRONI. La Pallacanestro Femminile Broni 93 comunica di aver trovato l’accordo con l’ala/pivot Nina Premasunac, la giocatrice croata vestirà la maglia biancoverde nella stagione 2017/2018. Classe 1992, alta 186 cm, Nina è nata in Istria nella città di Pula. Dal 2009 ha sempre militato nella massima serie croata nazionale, le ultime quattro stagioni le ha giocate nello ZKK Medvescak Zagabria dove ha ricoperto un ruolo da protagonista con 13,8 punti di media diventando un punto fisso dello starting five della squadra che ha vinto il massimo campionato. La scorso anno è arrivata in Italia a La Spezia in A1, ha chiuso la sua stagione con 11 punti di media in 27 minuti giocati e 7,1 rimbalzi totali.
Ciao Nina, avevi diverse opportunità di mercato, e hai ricevuto offerte da parecchie squadre, italiane ed estere. Come mai la scelta di Broni?
“Mi piaceva l'idea di continuare a giocare in Italia: dopo la passata stagione disputata qui, sono rimasta con ottime impressioni sul campionato italiano, sulle squadre e sulla atmosfera che, in generale, si respira attorno al basket femminile. La mia decisione è stata dettata dalla volontà di continuare a migliorare come atleta in questo campionato così forte. La mia scelta è ricaduta su Broni perché credo che le persone qui vivano davvero per la pallacanestro, e che ci siano grandi ambizioni per continuare a crescere. La prima volta che sono entrata nel palazzetto sono rimasta letteralmente stordita dall'atmosfera che si respira qui, e questo è stato un altro fattore che ha inciso nella mia decisione: non vedo l'ora di giocare in questo palazzetto”.
Vieni dalla stagione sfortunata alla Spezia. Che cosa, in positivo, ti porterai di quella esperienza, e quali sono i tuoi obiettivi per il prossimo anno?
“Sfortunatamente, il campionato a Spezia è finito male. Siamo state la sola squadra ad aver cambiato sette straniere, due allenatori, molte italiane, e alla fine questo non ha aiutato di sicuro. Avevamo davvero delle buone giocatrici, con ottime qualità, ma la fortuna non è stata dalla nostra parte fin dall'inizio. Comunque, avrò sempre un ottimo ricordo della Spezia, e ci tengo a ringraziare tutte le persone che hanno lavorato nella società: anche se non abbiamo centrato il nostro obiettivo, porterò sempre sentimenti positivi dentro di me, perché mi sono trovata davvero bene là. E voglio ringraziare anche le mie compagne, e augurare loro buona fortuna per il futuro. Per quanto riguarda le mie aspettative per la prossima stagione, preferisco non parlarne, ma lasciare che sia il campo a farlo. Voglio solo dire che sono entusiasta della nuova avventura e che le mie motivazioni sono altissime”.
Hai certamente saputo delle altre giocatrici che il club di Broni sta cercando di firmare o confermare. Con quale di loro saresti maggiormente contenta di giocare?
“Conosco molte delle giocatrici che erano o verranno a Broni, e sono contenta di come il mercato della squadra si sta sviluppando: penso davvero che avremo tutte le carte in regola per fare una stagione competitiva”.
I Viking sono i tifosi più caldi di tutta Italia: cosa ti senti di dire loro?
“Che li adoro assolutamente! Sono davvero felice di giocare in questa atmosfera, con questi fan che hanno una così lunga tradizione. Sono davvero il sesto uomo in campo: non vedo l'ora di essere parte di questa esperienza insieme a loro! So che con questi tifosi al nostro fianco, di sicuro raggiungeremo i nostri obiettivi”.
(Sabato 17 Giugno 2017)

A1: Broni...Pavia alla 4'stagione insieme

BRONI. Ripartire dopo una stagione che ti ha fatto rimanere ai box per infortunio non è mai facile, servono dedizione, umiltà e grande passione per questo sport. Enrica Pavia ha resettato tutto ed è pronta a farlo alla grande e per il quarto anno consecutivo vestirà la maglia biancoverde di Broni: "Sto bene - spiega la guardia Enrica Pavia -, diciamo che sono fiduciosa dopo l'ultimo intervento al ginocchio di qualche mese fa. Ho tanta voglia di giocare e sudare quel completino, di sicuro i momenti difficili ti fortificano umanamente e come giocatrice continuo il mio lavoro di fisioterapia con tutto lo staff di FisioSport, che ringrazio sempre, e mi alleno per cercare di arrivare nella miglior condizione possibile per l'inizio del campionato. Devo ringraziare tutta la comunità bronese - conclude Enrica -, perchè in questa ultima stagione difficile mi sono sempre stati vicino e mi hanno sostenuta dandomi forza e coraggio. Do a tutti appuntamento al raduno e non vedo l'ora di risentire cantare il 'PalaViking'! (Sabato 10 Giugno 2017)

A1: Ufficiale, Giulia Moroni è una giocatrice della Techedge Broni

BRONI. Giulia Moroni è il primo nuovo innesto della Techedge Broni, lo comunica la società dopo aver raggiunto un accordo con la play marchigiana classe ’94 per la stagione 2017/2018. Nata a Loreto (AN) il 12 maggio, Giulia esordisce a 15 anni in Serie A2 con il Faleria 2000 Basket (Porto San Giorgio). Dal 2010 gioca per l'Ancona Basket sempre in A2 e resta nella società dorica per quattro stagioni mettendo a referto ottime prestazioni. Nella stagione 2014/2015 passa alla Pallacanestro Vigarano in serie A1 dove ha una media punti di 8,9 in 26,6 minuti d’impiego. Il 19 febbraio 2015 viene ceduta ad Umbertide, gioca per tre stagioni diventando anche capitana della squadra umbra. Nell’ultimo campionato, finito proprio con Broni negli ottavi dei play off scudetto, segna 5,1 punti di media in 24 minuti. “Avendo giocato cinque volte contro Broni quest’anno – spiega la neo biancoverde Giulia Moroni -, ho potuto ‘vedere’ e ‘conoscere’ un po’ l’ambiente, quindi la scelta di venire a giocare qua è stata abbastanza facile. Bel clima, pubblico caldo, ambiente sano in cui sicuramente si potrà lavorare bene." Che giocatrice sei? “Mi piace mettermi a disposizione delle compagne a seconda delle richieste dell’allenatore – continua Giulia -. Mi piace il gioco di squadra e spero di riuscire a trasmetterlo a tutto il gruppo. Per la prossima stagione non mi sbilancio… sono leggeremente scaramantica! Dipenderà solo da noi e sono sicura che ce la metteremo tutta per fare bene. Il pubblico a Broni è sicuramente un fattore determinante e un grande stimolo, sono sempre stata dell’idea che i tifosi siano il sesto uomo in campo. Saluto tutti e ci vediamo al raduno per iniziare una nuova stagione insieme!" (Venerdì 19 Maggio 2017)

La PFBroni 93 vicina a coach Sacchi

La Pallacanestro Femminile Broni 93 è particolarmente vicina all'amico e coach Roberto 'Cico' Sacchi per la scomparsa del papà Carlo. A lui e alla famiglia le più sincere condoglianze da parte di tutta la Società biancoverde. (17 maggio 2017)

A1: Broni saluta Agnese Soli

La società Pallacanestro Femminile Broni 93 esprime il proprio ringraziamento ad Agnese Soli per la professionalità, l'entusiasmo e l'attaccamento ai colori biancoverdi dimostrati in queste due fantastiche stagioni. Un grazie di cuore e un in bocca al lupo per la prossima avventura che sta per iniziare. "La gioia per l'importante ruolo che vai a ricoprire in una squadra con grandi ambizioni - spiega il ds Marco Mezzadra -, è quasi pari alla tristezza di dover fare a meno di una grande professionista ma ancor di più di una bella persona. La ringrazio ancora per questi due anni stupendi". (Sabato 6 Maggio 2017)