(Febbraio 2017)

A1: Con la Reyer è una Broni 'disUMANA'

BRONI-VENEZIA 65-54 (21-20 ; 17-6 ; 14-13 ; 13-15)
TECHEDGE: Stokes 13, Madu 12, Pavia ne, Bratka 10, Strozzi, Ravelli 8, Zampieri 8, Bonvecchio 7, Soli 3, Baldan, Richter 4, Fusari. All. Sacchi
UMANA: Micovic 2, Melchiori, Carangelo 15, Sandri 3, Ruzickova 9, Dotto 4, Madera ne, Fontenette 2, Walker 18, Favento 1. All. Liberalotto
Note: tiri liberi Broni 8/10 ; Venezia 14/22

BRONI. Dopo le bellissime imprese con Napoli e Ragusa, la Techedge si ripete ancora nella bolgia del PalaBrera contro l’Umana Venezia. Nella settima giornata di ritorno le biancoverdi di coach ‘Cico’ Sacchi disputano una partita perfetta, rimanendo davanti praticamente per tutta la sfida e conquistando due punti dal peso specifico altissimo per classifica. Con la Reyer è arrivata la reazione che tutti i tifosi si aspettavano, che salvo le battute iniziali, quando le ospiti si trovavano sul 2-7, hanno sempre condotto l’incontro con una difesa aggressiva che ha mandato fuori giri le orogranata e con un attacco che ha sempre prodotto tiri ben costruiti. Zampieri firma il primo sorpasso (13-12) poi Ravelli con una tripla allunga sul 21-18 sul finire di quarto. Dopo l’intervallo si è capito subito che poteva essere una serata da sogno quando la Techedge scappa sul più 16 (38-22). Stokes inventa canestri in penetrazione, Madu cattura rimbalzi e segna dalla media, mentre Bratka infila traccianti da 6,25 che fanno malissimo a Venezia. Il Brera negli ultimi minuti di gioco è tutto in piedi ad applaudire le proprie ragazze e a tributare le standing ovation ai vari cambi finali, da segnalare l’ingresso in campo delle giovanissime Fusari (classe ’98), Strozzi (’99) e Baldan (2000). Adesso la classifica sorride a Broni perché si trova con quattro punti di vantaggio su Battipaglia e sei su La Spezia, oltretutto è alla pari a quota 10 con Torino e Vigarano. “Queste vittorie ti danno una fiducia immensa per il proseguo del campionato - dice la capitana Arianna Zampieri -, ti viene anche pensare che la settimana scorsa abbiamo buttato via due punti… L’obiettivo era di vincere e ritrovare la fiducia in noi stesse. Avevamo una grande voglia di riscatto - continua Arianna -, abbiamo lavorato benissimo in settimana e questo ci ha ripagato. Aver vinto con Venezia è motivo di grande orgoglio, abbiamo fatto valere ancora una volta il fattore campo. Giocare qui è sempre difficile per tutte, il pubblico è fondamentale e anche in questo caso ha cantato e incoraggiato per quaranta minuti.” Ora il campionato si ferma per la Final Four di Coppa Italia, la Techedge tornerà di nuovo in campo al PalaBrera domenica 5 marzo alle ore 18:00 contro il Fila San Martino di Lupari. (Lunedì 20 Febbraio 2017)

A1: Broni cerca il riscatto al PalaBrera contro la Reyer Venezia

BRONI. Solito appuntamento delle 18:00 per il Popolo Biancoverde, che anche questa domenica dovranno, forse più che mai, sostenere le proprie beniamine, affiancandole in campo in un momento non troppo semplice per la squadra. L’ultima pesante sconfitta subita a La Spezia, è segno che un qualcosa deve cambiare e le nostre ragazze non potranno quindi più permettersi errori del genere, anche per sfuggire ai play out. Primo obiettivo da raggiungere: riportare il sorriso sulla bocca dei propri tifosi partendo proprio da questa domenica, tornando in campo con quell’aggressività che ha contraddistinto la Techedge in molte occasioni. Secondo, vincere contro una corazzata come la Reyer Venezia non è semplice, ma una buona prestazione da parte della Techedge sarebbe fondamentale per il morale di tutto l'ambiente. Broni potrà approfittare della possibile stanchezza della squadra veneta, reduce dall'eliminazione in EuroCup subita in giovedì in Turchia. La Reyer può contare su giocatrici d’esperienza e di gran qualità come la guardia Ashleigh Fontenette (12,6 punti di media), l’ala Ashley Walker (12,7 di media), l’ala/pivot Ruzickova (10,7), l’ala Milica Micovic (6,3) e l’italiana Caterina Dotto (5,6), oltre che su un roster molto lungo che alterna a questi talenti giovani promesse come Cubaj, classe 1999 e le gemelle Togliani, classe ’98. Domenica al PalaBrera arbitreranno Marco Rudellat di Nuoro, Michele Centonza di Grottammare (AP) e Chiara Vanzini di Milano.

(Venerdì 17 Febbraio 2017)

A1: Disastro Broni a La Spezia

LA SPEZIA-BRONI 57-39 (12-9 ; 13-13 ; 24-13 ; 8-4)

CARISPEZIA: Bocchetti 3, Striulli 19, Nori 5, Aldrighetti ne, Corradino, Premasunac 15, De Pretto 5, Brezinova 4, Benic 6, Linguaglossa ne, Olajide ne. All. Barbiero

TECHEDGE: Stokes 10, Costa ne, Madu 2, Pavia ne, Bratka 9, Ravelli 6, Zampieri 2, Bonvecchio 4, Soli, Zara 1, Richter 5, Fusari. All. Sacchi

Note: tiri liberi La Spezia 4/10 ; Broni 6/8

LA SPEZIA. Difficile commentare una serata come questa dopo una brutta anzi bruttissima sconfitta della Techedge a La Spezia. Le biancoverdi cedono nettamente al PalaSprint 57-39. A parte lo svantaggio di misura all'intervallo (25-22), Broni non riesce mai a stare in partita lasciando alle liguri facili conclusioni sotto canestro, soprattutto nel terzo quarto con Striulli (top scorer del match) e Premasunac, vere spine nel fianco per la difesa bronese. Ora bisogna resettare il tutto e pensare ai prossimi impegni, la classifica si è accorciata in fondo, quindi da questo momento ogni vittoria o sconfitta potrebbe risultare decisiva per evitare i play out. "L'unica dichiarazione che mi sento di fare - dice il direttore generale Gianluca Caraffini -, è di chiedere scusa ai nostri tantissimi tifosi giunti a La Spezia, che anche questa volta hanno dimostrato attaccamento alla maglia e non hanno fatto mancare il sostegno alla squadra per tutta la partita. Spero che anche le singole giocatrici facciano lo stesso. Ora bisogna ripartire subito a testa bassa!" (Lunedì 13 Febbraio 2017)

A1: La Techedge Broni a La Spezia per l'importante scontro salvezza

BRONI. Scontro diretto quello di domenica, che vedrà la Techedge in trasferta a La Spezia alla ricerca di due punti fondamentali in chiave salvezza. Broni cercherà la rivincita contro la squadra ligure, dopo una sconfitta d’andata che aveva lasciato l’amaro in bocca alle ragazze di coach ‘Cico’ Sacchi. Le biancoverdi avranno a che fare con una squadra molto diversa da quella affrontata a novembre: con l’arrivo del nuovo coach Barbiero, subentrato a Corsolini, il roster di La Spezia ha visto l’inserimento di giocatrici d’esperienza come la pivot Ceca Brezinova, la croata Kristina Benic, ala che ha militato nel massimo campionato inglese e la playmaker Erika Striulli proveniente da Marghera. Le bianconere possono inoltre contare su atlete italiane come l’ex Broni Valeria De Pretto (14,6 punti di media), la guardia Bocchetti (6,5) e l’ala Linguaglossa (5,1). E mentre Broni dovrà cercare di espugnare il campo avversario provando a conquistare la prima vittoria in campionato in trasferta, dall’altro lato, La Spezia dovrà provare a regalare ai propri tifosi il primo sorriso sul parquet di casa e qualche speranza in più per la salvezza. “È inutile nasconderlo - dice coach Sacchi -, a La Spezia ci giochiamo una buona fetta di campionato… comunque vada in un modo o nell’altro non finisce certo li. Stiamo preparando la partita nei minimi dettagli e da parte nostra daremo tutto per portare a casa i due punti.” L’appuntamento del Popolo Biancoverde che seguirà in massa la squadra in trasferta al PalaSprint è per domenica alle ore 18:00, arbitreranno Alessandro Costa di Livorno, Alessio Fabiani di Altopascio (LU) e Irene Frosolini di Grosseto. (Venerdì 10 Febbraio 2017)

A1: Broni sconfitta in trasferta a Lucca

LUCCA-BRONI 70-43 (17-7; 24-7 ; 13-16 ; 16-13)
GESAM GAS: Battisodo 9, Landi 3, Tognalini 2, Pedersen 10, Dotto 6, Wojta 11, Harmon 17, Crippa , Miccoli 2, Salvestrini, Ndjock 8, Mandroni 2. All Diamanti
TECHEDGE: Stokes ne, Costa, Madu 10, Pavia ne, Bratka 4, Ravelli 8, Zampieri ne, Bonvecchio 7, Soli 8, Zara 2, Richter 4, Fusari. All. Sacchi
Note: tiri liberi Lucca 11/13 ; Broni1/6

LUCCA. Trasferta difficile quella della Techedge sul campo della capolista Lucca, le biancoverdi escono dal PalaTagliate con un meno 27 dopo una partita che sin dai primi minuti di gioco era incanalata a favore delle padrone di casa. Troppo netto il divario tra le due formazioni, nei primi due quarti Lucca ha allungato con break importanti andando al riposo sul 41-14 e chiudendo di fatto già all'intervallo la sfida. Nella ripresa si è vista una reazione d'orgoglio da parte di Broni che ha permesso di chiudere in parità (29-29) i due periodi conclusivi. Dagli altri campi arriva la vittoria di Vigarano contro La Spezia, Battipaglia sconfitta a Napoli e Torino che cede in casa contro Schio. Alla luce di questi risultati lo scontro diretto di domenica prossima a La Spezia metterà in palio due punti fondamentali per la salvezza. (Lunedì 6 Febbraio 2017)

A1: Techedge, domenica in trasferta contro la capolista Lucca

BRONI. Per la quinta giornata di ritorno la Techedge sarà impegnata domenica in trasferta al PalaTagliate contro la Gesam Gas Lucca di coach Diamanti. Le biancoverdi dovranno sudare, come è normale che sia quando a sfidarsi sono la capolista e la neopromossa che lotta per salvarsi. Una neopromossa che però ha dimostrato di saper stupire, riportando vittorie non così scontate anche contro squadre come Napoli e Ragusa. Tra l’altro, la prima di queste partite (Napoli), era stata proprio giocata, durante l’Opening Day di inizio stagione, sul parquet di Lucca. E chissà che questo parquet non porti fortuna, o perlomeno, non riporti alle nostre ragazze la grinta necessaria per vincere. La formazione di Lucca, che da prima della classe sta facendo ottime prestazioni, non è sicuramente una delle più semplici da affrontare, ma il ricordo positivo della bella partita condotta da Broni all’andata da buone speranze al Popolo Biancoverde. Nella formazione avversaria, attenzione a Jillian Harmon (17,3 di media), autrice di 25 punti nella giornata di andata contro Broni, alla pivot Pedersen (9,4) e alla guardia/ala Wojta, oltre che alle Nazionali italiane Dotto e Crippa. Lucca può vantare anche una panchina lunghissima che alterna veterane a giovani di qualità come l’ex Broni Arianna Landi. “Il PalaTagliate è un campo che rievoca delle straordinarie sensazioni – dice l’assistente allenatore Alessandro Fontana -. La prima vittoria nella massima serie per una realtà come la nostra; un weekend di emozioni indimenticabili dentro e fuori dal campo. Quella ormai è storia, ma proprio quel campo e quelle sensazioni possono aiutare la squadra ad avere una spinta mentale in più. Bisogna liberare la testa da ogni tipo di condizionamento esterno (classifica, difficoltà, infortuni...) non è facile, ma abbiamo dimostrato di saperlo fare ed è l'unica strada da seguire. Domenica sappiamo che ci saranno un'infinità di situazioni difficili tatticamente – continua Fontana -, e siamo ancora di più consapevoli che dopo averle fatte soffrire all'andata, vorranno provare a farci "sentire" la differenza di classifica. Il campo parlerà, azione dopo azione. L'approccio sarà fondamentale, ma le partite sono lunghe e servono attenzione pazienza e fiducia fino al suono della sirena finale. Le partite non si vincono e non si perdono nelle prime 10 azioni”. Palla a due ore 18:00, arbitreranno Pierantozzi Marco di Ascoli Piceno, Solfanelli Leonardo di Livorno e Ferretti Fabio di Nereto (TE). (Venerdi 3 Febbraio 2017)