(Dicembre 2014)

Auguri a tutto il Popolo Biancoverde

La Pallacanestro Femminile Broni 93 e il Centro MiniBasket EuroBasket Broni augurano a tutti i tifosi biancoverdi Buon Natale e un felice Anno Nuovo

Un 2015 da passare insieme… ricco di soddisfazioni...

 

Occasione più bella non poteva esserci ed il successo della serata dopo la partita tra Broni-Alghero di serie A2, certifica la bontà della scelta fatta. Parquet del PalaBrera trasformato in una grande sala in cui tante, tantissime persone hanno voluto vivere e consumare il Natale come un’unica, grande ed estesissima famiglia. Voglia di stare assieme, relax, giochi e un mega aperitivo per tutti… questi gli ingredienti principali di una festa organizzata dal Centro Minibasket EuroBasket che ha visto la presenza delle giocatrici della Omc Broni, dei minicestisti, dei loro genitori e dei tanti tifosi biancoverdi rimasti per l'occasione. 

A2: sotto l'albero ci sono i due punti

BRONI-ALGHERO 75-57 (20-14 ; 15-17 ; 22-9 ; 18-17)

Omc: Georgieva 8, Fanaletti, Accini 18, Pavia 7, Borghi 3, Corradini 13, De Pretto 17, Contestabile ne, Bonvecchio, Bona 9. All. Sacchi

Mercede: Spiga 1,Boi ne, Zanetti 12, Pinna 0, Gagliano 2, Azzellini 13, Petrova 5, Sanchez 24, Sias, Caneo. All. Barria 

Note: Tiri liberi Broni 2/2 ; Alghero 15/20

BRONI. La Omc chiude il 2014 superando al PalaBrera la Mercede Alghero. La formazione di coach Cico Sacchi rimane al quarto posto, ma non riesce a scrollarsi di dosso il Sanga Milano, che batte di misura (55-54) Genova e rimane a sole due lunghezze dalle biancoverdi. Insomma le ultime tre partite della prima fase si annunciano come una sfida a distanza tra meneghine, bronesi e genovesi per la conquista dei due posti disponibili per l’accesso alla poule promozione. Anche le liguri sono state risucchiate nella corsa per due "posti al sole". Visto che oramai la qualificazione di Torino e Sesto San Giovanni è cosa fatta, a questo punto è lotta a tre (Genova, Broni e Milano) per due piazze. La vittoria contro Alghero, dopo il successo nel recupero di mercoledì sera, era condizione fondamentale. Alla fine il punteggio non rende forse troppo merito alle sarde che nella prima frazione hanno retto l’urto della Omc. Solo nel terzo quarto è arrivato il break che ha spezzato defitivamente la partita: Broni si è trovata sul +20 (57-37) grazie ad una tripla dall’angolo di Elisa Borghi, a 1’28” dalla sirena. Poi la Mercede ha avuto un sussulto di orgoglio, tornando a meno undici (60-49) ma Broni ha rimesso le cose a posto (75-55, a un minuto e 50 secondi dalla fine). Il quintetto di coach Sacchi ha giocato a tratti una buona pallacanestro, con una certa fluidità e rapidità nella manovra. Il campionato si ferma per le festività fino all’11 gennaio, quando Broni salirà sul campo della Castel Carugate, quindi riceverà Genova al PalaBrera e chiuderà a Sesto San Giovanni. Sono tre partite fondamentali, solo vincendole tutte Broni avrà la sicurezza di approdare alla poule promozione, in caso contrario tutto dipenderà da Milano e adesso anche da Genova. Ma a questo si penserà con l’anno nuovo, adesso spazio al Natale: lunedì sera squadra e dirigenti parteciperanno alla tradizionale cena natalizia. (Lunedì 22 Dicembre 2014)

A2: Omc, ultima del 2014 con Alghero

BRONI.  Dopo il blitz a Genova nel recupero della sesta giornata di andata che ha ridato il quarto posto alla truppa di coach Sacchi, la Omc Broni torna al PalaBrera dove domenica ospiterà la Mercede Alghero. Formazione giovane quella sarda di coach Barria con l’aggiunta di due senior importanti: ala/pivot Erica Carolina Sanchez (classe 1976) miglior realizzatrice con 22,9 punti di media e un 47,3 dal campo e la play Sara Azzellini (12,3 punti in 38 minuti di media, classe 1986). Alghero è reduce dalla prima vittoria in questo campionato nel derby contro Selargius. In casa biancoverde gli allenamenti sono ripresi venerdì pomeriggio dopo il giorno di riposo concesso giovedì, coach Cico Sacchi non abbassa la guardia e non si fida delle sarde, concentrazione alta in queste sedute di preparazione alla partita e stesso atteggiamento visto in tutti i quaranta minuti a Genova. L’appuntamento per il Popolo Biancoverde, ultimo di questo 2014, è per domenica alle ore 16:30. (Venerdì 19 Dicembre 2014)

A2: vittoria a Genova e quarto posto!

GENOVA-BRONI 60-65 (18-22 ; 17-15 ; 12-11 ; 13-17)

aLmore: Bozic 2, Carbonell 9, Diene 9, Vanin, Visconti 9, Policastro, Sansalone ne, Principi 2, De Scalzi 15, Costa 14. All. Vaccaro

Omc: Georgieva 10, Fanaletti ne, Accini 14, Pavia 12, Borghi 2, Corradini 4, De Pretto 18, Bonvecchio 5, Contestabile ne, Bona. All. Sacchi

Note: Tiri liberi Genova 8/9 ; Broni 16/25

GENOVA. La Omc torna al successo sul difficile campo dell'aLmore Genova, riappropriandosi così del quarto posto in classifica, l’ultimo utile per l’accesso alla poule promozione. Al Paladonbosco, trasformato in una succursale del Palabrera dai tantissimi supporters biancoverdi, che hanno dominato la "battaglia" sugli spalti, si è vista una Broni completamente trasformata rispetto a quella che 72 ore prima aveva rimediato una figuraccia sul parquet di Milano. Messe da parte le paure e spronate dalla dirigenza, le ragazze di coach Sacchi hanno avuto l’atteggiamento giusto, trovando una fluidità di gioco mostrata solo a tratti in questa stagione. La partita è stata molto equilibrata, come era prevedibile, perché Genova è squadra tosta. Broni ha raggiunto il massimo vantaggio sul 37-28 a 2 minuti dalla fine del primo tempo, poi le liguri sono tornate sotto con un parziale di 7-0. Nella ripresa si è continuato a lottare punto a punto fino all’ultimo minuto. Una tripla di Pavia dall’angolo porta Broni sul +2 (62-60) a 40 secondi dalla sirena. Genova ha due possessi per chiudere la gara, ma un extra pass di troppo manda Accini in lunetta: Broni mette a segno i punti della sicurezza. Soddisfazione in casa Omc: «Finalmente una prova di carattere – dice il dirigente responsabile Gianluca Caraffini –, abbiamo tirato fuori gli attributi per 40 minuti, senza paura neppure nei momenti di difficoltà, contro un avversario che finora in questo impianto non aveva mai perso".  (Giovedì 18 Dicembre 2014)

A2: Omc, a Genova per il recupero

BRONI. Archiviata subito la sconfitta contro Milano, la Omc torna in campo mercoledì sera al Pala Don Bosco di Genova (palla a due ore 20:30) nel recupero della 6’giornata di andata. Starting five di qualità per le genovesi: in regia troviamo la play Valentina Costa (11,4 punti di media), a fianco c’è la guardia croata Ana Bozic (9,9) mentre le ali sono Sara De Scalzi (10,0) e Diene Nene (11,6), in posizione cinque c’è l’esperta Alessandra Visconti che fornisce i maggiori punti alla squadra, 15,0 la sua media. “Bisogna fare subito quadrato dopo la sconfitta di domenica – dice il dirigente responsabile Gianluca Caraffini -, dare tutto in queste cinque partite che rimangono per centrare l’obiettivo della poule promozione. A Genova è necessario andare con un’altra mentalità, aggredire le avversarie sin dalla palla a due. E lo stesso dovrà essere nelle sfide successive, a partire da quella di questo fine settimana al PalaBrera con Alghero. A fine gennaio tireremo le somme e vedremo”. Anche in questa trasferta infrasettimanale il gruppo Viking Broni ha organizzato un pullman per seguire la squadra nel capoluogo ligure (partenza ore 18:30 dalla Piazza Garibaldi di Broni). (Martedì 16 Dicembre 2014)

A2: Omc, prestazione pessima a Milano

MILANO-BRONI 58-51 (14-9 ; 14-8 ; 10-12 ; 20-22)

Ponte Casa d’Aste: Rossi 16, Guarneri 8, Gottardi 6, Vujovic 9, Bottari ne, Maffenini 13, Colli, Falcone ne, Ruisi, Valli ne, Calastri 6, Trianti ne. All. Pinotti

Omc: Rossi ne, Georgieva 8, Accini 8, Pavia 4, Borghi 2, Corradini 9, De Pretto 14, Bonvecchio 2, Contestabile 2, Bona 2. All. Sacchi

Note: tiri liberi Milano 11/16 ; Broni 13/20

MILANO. La Omc Broni affonda al PalaGiordani di Milano: le biancoverdi  sprecano malamente l’occasione di chiudere il discorso per la qualificazione alla poule promozione, cui accederanno le prime quattro della classifica. Il Sanga aggancia al quarto posto e riesce contemporaneamente a scavalcarle andando a ribaltare il risultato dell’andata. Al Palabrera la Omc si impose di 6 lunghezze (61-55), mentre ieri sera ha subito una sconfitta di sette punti così le padroni di casa sono ora davanti, con pieno merito. Per fortuna di Broni, Selargius ha perso il derby sardo contro Alghero. La stagione non è compromessa ma la sconfitta rende difficile un percorso che poteva essere in discesa. Dopo domani al PalaDonBosco di Genova (recupero della partita saltata in novembre per il maltempo) le ragazze di coach Sacchi non potranno commettere altri errori: vincere non sarà affatto semplice ma la sconfitta a Milano non lascia alternative. La Omc è apparsa svuotata, con poca convinzione nei propri mezzi. Dall’altra parte Milano ha lottato su ogni pallone, ha messo quella grinta e determinazione che avrebbero dovuto avere le biancoverdi. La formazione di coach Sacchi è senza idee e gioco: continua a sparare a salve, senza trovare fluidità nella manovra, subendo oltre modo la pressione delle meneghine. In certi frangenti è veramente inguardabile. Due passi indietro rispetto alla prestazione contro la capolista Torino della settimana scorsa. Se in difesa la squadra regge l’urto delle padrone di casa, in attacco è veramente impresentabile: nel primo tempo tira con un misero 19 per cento, contro il 42 per cento delle avversarie, che col passare dei minuti prendono confidenza e costruiscono un margine che raggiunge i 13 punti (25-12). Nel secondo tempo la musica sostanzialmente non cambia, ma quasi senza saperlo Broni si ritrova in partita  sul 48-51 ma non riesce a sfruttare la manna che le piove dal cielo inaspettatamente. Milano torna a +7 (55-48) poi commette un fallo intenzionale e Broni ha due liberi e palla in mano. Dalla lunetta arriva un altro 0 su 2 e sulla rimessa non arriva neppure il canestro. E’ la conferma che Broni non è mai stata in partita. Uno smacco per i tantissimi tifosi giunti nel capoluogo lombardo che si aspettavano una prestazione ben diversa. Se loro hanno dato tutto, lo stesso non si può certo dire delle ragazze di Broni. Una sconfitta che ridimensiona le ambizioni di vetta della squadra oltrepadana. Non è tutto perduto ma sono finiti i bonus: bisogna abbassare la testa e mettersi a lavorare duro. (Lunedì 15 Dicembre 2014)

A2: La Omc di scena a Milano

BRONI. Terza giornata di ritorno e la Omc Broni sarà impegnata sul difficile campo del Ponte Casa d’Aste Milano. Mix d’esperienza e gioventù per le milanesi guidate da coach Pinotti: la play Rossi Giulia, le guardie Gottardi Silvia e Maffenini Giulia, le lunghe Vujovic Dunia e Calastri Alessandra formano uno starting five di assoluto valore. Partita molto importante per le biancoverdi di coach Sacchi soprattutto in chiave classifica, una vittoria a Milano significherebbe mettere a 4 punti di distanza una seria contendente per il quarto e ultimo posto valevole per la poule promozione. “È una partita fondamentale sia per noi che per loro – dice la bulgara Dimana Georgieva -, andremo a Milano con la mentalità giusta e convinte nei nostri mezzi. In questa settimana ci siamo allenate bene, abbiamo provato soluzioni in attacco contro la zona press, mentre per la diifesa dobbiamo essere come a Torino… molto aggressive. Bisogna essere concentrate dal primo minuto all’ultimo e limitare il più possibile le palle perse, cosa che ci ha penalizzato la settimana scorsa nonostante la buona partita. Domenica metteremo in campo tutto – conclude Dimana -, è una partita da vincere! Anche per i nostri tifosi che ci seguono sempre e ci gasano un sacco”. L’appuntamento per il Popolo Biancoverde è per domenica 14 dicembre alle ore 18:00 al PalaGiordani di via Cambini a Milano. (Venerdì 12 Dicembre 2014)

A2: Omc, sconfitta in volata con Torino

TORINO-BRONI 61-57 (15-16 ; 17-17 ; 12-12 ; 17-12)

Piramis: Pignetti 7, Riccardi 8, O`Rourke 17 (7 rimbalzi), Di Giacomo 4, Montanaro, Quarta 5 (4assist) , Coen 9, Domizi 7, Santuz 2, Salvini 2. All. Petrachi

Omc: Georgieva 8, Fanaletti, Accini 6, Pavia, Borghi 13, Corradini 7, Salvini, De Pretto 17, Bonvecchio, Contestabile 6, Bona. All. Sacchi

Note: tiri liberi Torino 10/12 ; Broni 7/9

MONCALIERI (TO). La Omc Broni torna dal PalaEinaudi di Moncalieri con tanto amaro in bocca perché cede alla capolista Torino al termine di una partita equilibrata e ben giocata. Alla fine fanno la differenza alcuni episodi e tre fischi contro Valeria De Pretto. Negli ultimi minuti, con le squadre punto a punto, gli arbitri prima annullano una stoppata regolare dell’ala scledense, poi la fermano per un piede sulla linea e subito dopo per un fallo in attacco: tutte situazioni dubbie che finiscono con il penalizzare le bronesi. Ma la sconfitta non è solo da ricercare nel metro arbitrale, perché le biancoverdi hanno il demerito di non "uccidere" la partita nel momento migliore, quando l’ennesima bomba dall’angolo e un libero di Elisa Borghi regalano il +8 (37-45). Proprio in quel momento, invece di piazzare il colpo del ko, la Omc si smarrisce, non trova più la via del canestro con la stessa incisività, complice anche una difesa serrata, a volte al limite, di Torino. Broni chiude la terza frazione avanti di uno (44-45) ma poi nei primi tre minuti dell’ultimo periodo O’Rourke trova il +4 (51-47). L’inerzia della partita è passata nelle mani delle piemontesi che continuano a difendere in modo deciso, costringendo la Omc a perdere 7 palloni (25 in totale, contro i 14 di Torino). Tuttavia Broni non molla, riuscendo a mantenere viva la speranza di un colpaccio. L’urlo dei tifosi, tantissimi arrivati al palazzetto di Moncalieri, rimane strozzato in gola, mentre coach Sacchi a fine partita è seduto in panchina ad analizzare con disappunto il foglio delle statistiche e la prestazione degli arbitri, con cui sembra avere un conto in sospeso negli ultimi tempi. Una sconfitta da metabolizzare immediatamente, perché Broni deve preparare al meglio la sfida della prossima settimana contro il Sanga Milano (sconfitto a Selargius), che si preannuncia una battaglia per il quarto posto: l’ultimo utile per l’ingresso nella poule promozione. Alla Palestra Giordani di Milano c’è un solo risultato: la vittoria. Infatti Torino, Geas Sesto San Giovanni e Genova sembrano aver già staccato il biglietto per la seconda fase, mentre l’ultima piazza dovrebbe essere una questione tra Broni (8 punti), Milano e Selarigus (6 punti), visto che alla fine mancano ancora cinque giornate (sei per Broni che deve recuperare a Genova mercoledì 17). 

(Lunedì 8 Dicembre 2014)

A2: La Omc in trasferta a Torino

BRONI. Archiviato l’importante successo con Selargius, la Omc Broni è attesa sabato da una difficile trasferta contro la Piramis Torino sul campo di Moncalieri. Guidata da coach Petrachi, le piemontesi sono al comando della classifica insieme al Geas e sono reduci da una vittoria convincente a Milano in casa del Sanga. La play Rosso Francesca (4,9 punti di media), le guardie O'Rourke Brianne (miglior realizzatrice con 14,6 di media), la capitana Dalila Domizi (9,5) e Alice Quarta (8,6), le ali Elena Riccardi (8,0 punti e 5,9 rimbalzi) e Coen Costanza (14,5), le pivot Savini Clara (8,4) e Santuz Roberta formano un roster di assoluta qualità per Torino. In casa biancoverde morale alto alla ripresa degli allenamenti questa settimana, coach Cico Sacchi ha potuto svolgere le sedute con tutte le effettive, anche Corradini che è reduce da una distorsione alla caviglia di quindici giorni fa e che l’ha fatta allenare col conta gocce fino alla partita con Selargius: “Sono in ripresa – dice la capitana Licia Corradini -, non mi sono allenata con tanta continuità ma questa settimana sto andando meglio. Domenica scorsa alla fine ho giocato, abbiamo vinto: quindi tutto ok. Adesso ci aspettano tre trasferte impegnative, soprattutto quella di Milano. Se riusciamo ad allenarci tutte insieme e prepararle nel modo migliore, allora ci possiamo giocare le nostre possibilità e vedere a che punto siamo. La squadra è in crescita ma bisognerà dare continuità al lavoro fatto contro Selargius e a quello della settimana in palestra”. Ore 21:00 al Pala Einaudi di Moncalieri (TO) è l’appuntamento del Popolo Biancoverde che seguirà in pullman la squadra in questa 2°giornata di ritorno di serie A2. 

(Venerdì 5 Dicembre 2014)

A2: Omc, vince e convince con Selargius

BRONI-SELARGIUS 77-61 (29-9 ; 18-20 ; 18-20 ; 19-12)

Omc: Georgieva 10, Fanaletti, Accini 17, Pavia 10, Borghi 13, Corradini 6, De Pretto 12, Contestabile 7, Bonvecchio 2, Bona. All.  Sacchi

San Salvatore: Rozenberga 11, De Pasquale 9, Lussu 16, Angius, Rosellini 10, Astero, Palmas 5, Di Costanzo 4, Dell'Olio 6, Cavallini. All. Staico

Note: tiri liberi Broni 5/9 ; Selargius 5/11

BRONI. La Omc cercava la vittoria contro Selargius e i due punti sono arrivati al termine di una partita ben giocata. Le biancoverdi riescono anche a ribaltare il meno quattro subito nella partita di andata, dimostrando di avere una marcia in più rispetto alla formazione sarda, che comunque ha lottato per tutti i 40 minuti, riportandosi anche a meno 4 (53-49). Broni ha messo un mattone importante in avvio, quando ha piazzato un buonissimo 4 su 7 da tre punti (due centri di Accini e di Pavia): un vantaggio che si è pian piano dilatato sino al +17 (38-21) del 18’. Qualche piccolo errore in difesa ma una situazione giustificata dalla scarsa preparazione settimanale: Pavia quasi sempre ferma, Corradini con una distorsione alla caviglia, Georgieva un po’ "bloccata" dalla maschera protettiva al naso. La Omc ha saputo reagire anche nel momento di maggior difficoltà, verso la metà del terzo periodo. Valeria De Pretto è stata richiamata in panchina perché si è caricata di quattro falli e senza di lei si è persa la fluidità della prima parte di gara. Coach Sacchi ha chiamato un time out che ha svegliato le ragazze: Contestabile con una tripla e un contropiede fulmineo di Borghi hanno ridato fiato alle biancoverdi (58-49), proprio quando Selargius era tornato in carreggiata sul meno quattro. E’ stato il momento chiave della partita perché ha permesso alle padrone di casa di riacquistare fiducia e giocare con più attenzione nella parte conclusiva dell’incontro. Alla sirena è arrivato un successo rotondo, meritato e che ha dimostrato come questa squadra abbia degli ulteriori margini di miglioramento, a condizione di ritrovare tutti i suoi elementi. E’ difficile preparare una partita senza le giocatrici faro e bisogna dire che coach Sacchi e tutto il suo staff hanno fatto una mezza magia contro Selargius. Grazie alla vittoria, Broni si mantiene in quarta posizione, l’ultima utile per l’ingresso nella poule promozione. Adesso è attesa da un tour de force con tre trasferte consecutive: Torino (prima in classifica), Milano e poi il recupero di Genova di mercoledì 17. La partita chiave sarà quella a Milano di domenica 14, contro il Sanga che segue in classifica la Omc. Mentre le due sarde e Carugate al momento sembrano tagliate fuori dai giochi, ma manca ancora quasi tutto il girone di ritorno. (Lunedì 1 Dicembre 2014)